Qual è il momento migliore per bere un caffè?

L’adenosina è un neurotrasmettitore il cui livello aumenta quando ci svegliamo. Più a lungo rimaniamo svegli, più adenosina si accumula nel nostro corpo e aumenta la sensazione di sonnolenza.

Il caffè subito dopo il risveglio non sempre ci darà l’energia e la prontezza necessarie. Gli scienziati sostengono che è meglio aspettare un po’ e bere il primo caffè mattutino due ore dopo. Nonostante i vari tentativi di ridurre la sensazione di stanchezza durante il giorno, un buon sonno notturno è ancora il modo migliore per fornire al corpo abbastanza energia e per svegliarsi rapidamente al mattino.

Cos’è l’adenosina?

Il dottor Andrew D. Huberman è un neurologo e ricercatore presso la Stanford University School of Medicine. chi sostiene che il caffè riesca a svegliarci a causa della reazione con l’adenosina. L’adenosina è un neurotrasmettitore il cui livello aumenta quando ci svegliamo. Più a lungo rimaniamo svegli, più adenosina si accumula nel nostro corpo e aumenta la sensazione di sonnolenza.

La caffeina blocca i recettori dell’adenosina nel cervello e può, solo per brevi distanze, alleviare la sensazione di stanchezza. In altre parole, il caffè non ci sveglierà mai bene se non abbiamo dormito abbastanza.

Il caffè ridurrà la sensazione di stanchezza e sonnolenza per un breve periodo

Durante il giorno, cellule e tessuti bruciano energia sotto forma della molecola adenosina trifosfato, questa molecola viene consumata quando lavoriamo, pensiamo o semplicemente sediamo e le cellule creano adenosina come sottoprodotto. La caffeina è chimicamente simile all’adenosina e blocca i recettori dell’adenosina, con l’effetto che la caffeina sopprime per un po’ il bisogno di dormire, quindi dopo una tazza di caffè ci sentiamo più svegli e con più energia. Tuttavia, anche durante questo periodo, l’adenosina si accumula e quando l’influenza della caffeina scompare, ci addormentiamo di nuovo.

Il caffè non ci libererà dalla sensazione di stanchezza e sonnolenza se non abbiamo dormito abbastanza, rimanderà solo per un breve periodo il bisogno di dormire – spiega il dottor Huberman.

Perché è meglio bere il caffè due ore dopo il risveglio?

Quando ci svegliamo nonostante la sonnolenza, i livelli di adenosina sono al minimo. Ecco perché è meglio aspettare da un’ora e mezza a due ore e poi bere il primo caffè. In questo modo permetteremo al corpo di svegliarsi in modo naturale e all’adenosina di iniziare a crescere un po’, spiega il dottor Huberman. Se abbiamo molto sonno, il medico ci consiglia di bere un bicchiere d’acqua subito dopo il risveglio, fare una passeggiata, uscire ed esporci alla luce solare.

Come promuovere il senso di allerta?

Nel frattempo, l’adenosina si accumulerà e il caffè produrrà una sensazione di vigilanza più evidente. Il dottor Huberman ritiene che se ritardiamo il caffè mattutino, avremo più energia a metà giornata, quando saremo più attivi. In questo modo otterremo la più forte sensazione di vigilanza. Il dottor Huberman afferma che le persone che hanno consumato il caffè in questo modo hanno poi avuto una migliore qualità del sonno e più energia durante il giorno.